Microchip dei cani

Microchip dei cani

COS’E’?

È un metodo di identificazione sicuro, veloce e indolore per il cane. Il microchip codi ca un numero di identificazione univoco. Si tratta di una sorta di carta d’identità che accompagna il cane per tutta la vita. Il microchip serve a registrare e monitorare la popolazione canina, felina e di furetti, presente sul territorio della Lombardia collegandolo ai dati del proprietario.

A COSA SERVE?

Garantisce la veloce restituzione degli animali smarriti ai legittimi proprietari, oltre a veri care la consistenza e la distribuzione della popolazione canina sul territorio regionale.

COME FUNZIONA?

L’animale viene identificato con il microchip, che viene applicato dal Medico Veterinario per via sottocutanea ai lati del collo. Il microchip è contenuto in una capsula di pochi millimetri e contiene un numero di identificazione univoco, che viene rilevato mediante uno strumento denominato lettore. Dopo aver applicato il micro- chip il Medico Veterinario registra nell’Anagrafe Canina il numero identificativo, i dati segnaletici dell’animale e i dati relativi al proprietario. Da questo momento l’animale è correttamente iscritto all’Anagrafe: al proprietario viene consegnato un certificato di iscrizione, completo dei dati registrati.

E’ OBBIGATORIO ISCRIVERE GLI ANIMALI D’AFFEZIONE ALL’ANAGRAFE CANINA?

L’iscrizione all’anagrafe dei cani – oltre che essere utile per il proprietario – è un obbligo di legge. Il proprietario o il detentore, compreso il commerciante e l’allevatore, devono provvedere all’iscrizione del proprio cane in Anagrafe entro trenta giorni dalla nascita o entro quindici giorni dal momento in cui ne entra in possesso e comunque prima della sua cessione a qualunque titolo (ai sensi della Legge Regionale n. 33/2009 e s.m.i.). Chi non l’avesse ancora fatto, deve provvedere al più presto. Per gli altri animali d’affezione l’iscrizione è obbligatoria solo in caso di espatrio.

COSA DEVO FARE PER IDENTIFICARE IL MIO ANIMALE?

Il proprietario, con documento di identità e il codice scale deve rivolgersi esclusivamente a un qualunque Distretto Veterinario della ATS (ex ASL) presente sul territorio, oppure a un Medico Veterinario libero professionista accreditato, i cui nominativi sono reperibili presso le ATS stesse. Il Medico Veterinario provvede contestualmente:

  1. all’inoculazione del microchip che identificherà in modo univoco e permanente l’animale
  2. all’iscrizione dell’animale nell’Anagrafe Canina Regionale. A seguito di identificazione il Veterinario rilascia il certificato d’iscrizione all’Anagrafe.

QUANTO COSTA MICROCHIPPARE E REGISTRARE IL MIO ANIMALE?

Le tariffe possono essere richieste presso i Distretti Veterinari della ATS e presso gli studi dei Medici Veterinari liberi professionisti accreditati all’accesso alla Banca Dati degli Animali d’Affezione.

QUALI SANZIONI SONO PREVISTE SE NON ISCRIVO IL MIO CANE IN ANAGRAFE CANINA?

In caso di mancata iscrizione del proprio cane in Anagrafe, o di omessa segnalazione di variazione dei dati registrati è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 25,00 a Euro 150,00, oltre alle spese di istruttoria della pratica.

IL MIO CANE è TATUATO, SONO OBBLIGATO A INSERIRE IL MICROCHIP?

Se il tatuaggio è stato applicato anteriormente al 1° gennaio 2004 ed è ben leggibile, il cane viene considerato correttamente identificato e non è obbligatorio applicare il microchip. Tuttavia quest’ultimo sistema viene raccomandato perché più affidabile rispetto al tatuaggio.

COSA DEVO FARE PER ISCRIVERE IL MIO CANE GIA’ TATUATO IN ANAGRAFE CANINA?

Il proprietario deve recarsi con il cane o con un certificato di un veterinario che attesti la lettura del tatuaggio, presso il Distretto Veterinario dell’ATS o presso un Medico Veterinario libero professionista accreditato. È necessario portare con sé un documento di identità, il codice scale e i documenti che comprovino la proprietà dell’animale per l’iscrizione del cane all’Anagrafe Canina Regionale.

COSA DEVO FARE SE HO SMARRITO O SE MI HANNO RUBATO IL CANE?

La scomparsa del proprio animale deve essere denunciata al più presto e comunque entro sette giorni al Di- stretto Veterinario dell’ATS e alla Polizia Locale del Comune dove si è verificato l’evento.

DEVO COMUNICARE EVENTUALI VARIAZIONI?

Sì, è obbligatorio recarsi al Distretto Veterinario dell’ATS o presso un Medico Veterinario libero professionista accreditato per segnalare, entro quindici giorni, i seguenti eventi, che determinano variazioni dei dati presenti in Anagrafe Canina: variazione di proprietà, cambio di residenza e decesso dell’animale. È importante inoltre mantenere aggiornata la scheda anagrafica con i propri recapiti telefonici e indirizzi e-mail, i quali potrebbero subire variazioni.

HO ACQUISITO IL MIO CANE DA UN PROPRIETARIO RESIDENTE IN ALTRA REGIONE (O PAESE COMUNITARIO). COSA DEVO FARE?

Il nuovo proprietario deve presentarsi presso il Distretto Veterinario dell’ATS, oppure a un Medico Veterinario libero professionista accreditato con un documento che certi chi il passaggio di proprietà e con fotocopia del documento d’identità e codice scale del vecchio e del nuovo proprietario. Se il cane proviene da un Paese Comunitario deve essere dotato di passaporto. Il cane verrà quindi iscritto all’Anagrafe Canina della Regione Lombardia.

HO CEDUTO IL MIO CANE A UNA PERSONA CHE RISIEDE IN ALTRA REGIONE (O PAESE COMUNITARIO). COSA DEVO FARE?

Il proprietario cedente deve presentarsi esclusivamente presso un Distretto Veterinario dell’ATS, con un documento che certi chi il passaggio di proprietà e con fotocopia del documento d’identità e codice scale del vecchio e del nuovo proprietario, cancellandolo così dall’Anagrafe Canina della Regione Lombardia. Il nuovo proprietario dovrà recarsi all’ATS/ASL di competenza della Regione di residenza per iscrivere il cane a lui ceduto.

DEVO ANDARE ALL’ESTERO CON IL MIO ANIMALE. COME FACCIO AD AVERE IL PASSAPORTO E IN QUALI PAESI è OBBLIGATORIO?

Il proprietario deve presentarsi, per tempo, presso il Distretto Veterinario dell’ATS con un certificato d’iscrizione all’Anagrafe Canina il certificato di vaccinazione antirabbica in corso di validità e richiedere l’emissione del passaporto. È utile comunque, in caso di viaggio in Paesi extra CE, accertarsi presso il Consolato dello Stato in cui ci si reca della presenza di ulteriori disposizioni sanitarie in vigore e contattare l’ATS di competenza per le tempistiche e le specifiche. In caso di smarrimento del passaporto è necessario sporgere denuncia ai Carabinieri e successivamente sarà possibile richiederne il duplicato. Il passaporto non ha scadenza ma per potersi recare all’estero bisogna che la vaccinazione antirabbica sia in corso di validità e sia stata riportata sul passaporto dal Veterinario che l’ha eseguita. Non è necessario dotarsi di passaporto qualora non si intenda andare all’estero con il proprio animale.

Il Distretto Veterinario di competenza per il territorio di Saronno è l’Ufficio di Busto Arsizio con sede in P.zza Plebiscito, 1 a 21052 Busto Arsizio (VA).